CON_TATTO 
Workshop di Contact Improvisation 
e Jam Session
con Emma Scialfa - 8 Maggio 2016 - Spazio Oscena - Catania
Un workshop che intende dare ai partecipanti, tempo e strumenti per attraversare, amplificare e diversificare l’ascolto, il senso e il modo di muoversi. 

Sviluppando le possibilità del corpo grazie allo studio del linguaggio del contact improvisation, s’interagisce con l'altro affrontando il movimento fatto di sorprese ed imprevisti. Ci si confronta con i limiti e le abitudini percettive proprie e dell'altro e si comprende come utilizzare tutte le possibilità del proprio corpo al fine di aumentare la capacità di ascolto per integrare il pensiero e l’azione facendole procedere insieme.

Ci interrogheremo sui processi creativi e motori percettivi, sul significato del messaggio e della comunicazione che la nostra presenza esprime e sulla coscienza delle sensazioni fisiche che accadono tra due o più partner in gioco motorio tra loro e in contatto con la terra e nello spazio.

E’ aperto a tutti, sia a chi si trova ad un primo approccio alla contact improvisation che a coloro che hanno già più esperienza nella danza.


POSSONO PARTECIPARE GRATUITAMENTE ALLA JAM SESSION DI DOMENICA TUTTI I MUSICISTI desisiderosi di arricchire l’esperienza improvvisativa della jam, previa richiesta a spazioscena@gmail.com 


DOVE 
Da Spazio Oscena , via Giuseppe Macherione 21


ORARI
 8 maggio 2016 - 10/19,30 jam session ore 18,30


COSTI
 60 euro


INFO E ISCRIZIONI: spazioscena@gmail.com / 331 85 62 485


La contact improvisation (CI) è una pratica di danza nella quale i punti di contatto fisico, fra almeno due danzatori, diventano il punto di partenza di un’esplorazione fatta di movimenti improvvisati. Al di là dei semplici punti di contatto fisico, entra in gioco il contatto globale (auditivo, cinetico, percettivo/energetico ed anche affettivo) del danzatore con i suoi partner e con ciò che c'è intorno (il terreno, lo spazio, la forza di gravità, etc.).
Detta anche danza-contatto, è un genere di ballo improvvisato, una delle forme meglio conosciute e caratteristiche di danza postmoderna. Nel corso di prove o workshop, l'improvvisazione di danza contatto, viene chiamata jams.
La contact improvisation è stata sviluppata, negli Stati Uniti nel corso degli anni settanta, da un gruppo di danzatori guidati da Steve Paxton e Nancy Stark Smith. 



Emma Scialfa - Coreografa / Operatrice culturale / Produttore / Direttore MotoMimetico / licensed trainer GYROTONIC EXPANSION SYSTEM® 
Si forma presso il Balletto statale di Monaco di Baviera, la London Contemporary Dance School e presso il Centre de Danse Contemporaine di Peter Goos a Parigi e in seno alla compagnia Ballet Théatre L’Ensemble diretta da Micha Van Hoecke, con la quale collabora per dieci anni e partecipa a tutte le produzioni del repertorio. E’ stata docente di tecnica contemporanea al Teatro Verdi di Pisa, al Centro Culture Contemporanee Zo di Catania, all’Università di Catania per il Corso di formazione di danza contemporanea e all’Istituto Nazionale di danza movimento terapia di Roma. E’ fondatrice della compagnia MotoMimetico per la quale crea dal 1998 tutte le produzioni invitate a partecipare a svariati festival e progetti di residenza in ambito nazionale ed internazionale quali ad esempio: X Edizione della Biennale dei Giovani Artisti di Sarajevo; Danza in movimento organizzata dalla Fondazione RomaEuropa al Teatro Palladium; Festival di Polverigi; Progetto Terrains Fertiles, in residenza a Parigi all‘ interno del Centro Culturale Point Ephemere; Festival International Fabbrica For Choreographer - Fabbrica Europa Firenze; Festival Danae – Teatro I – Milano; Ortigia Festival – SR; Festival Contrappunti (Padova); Festival delle Ombre - Staggia Senese; Festival Sibiu Dans 2007 Romania, Festival Visioni di (p)arte – Teatro Kismet Bari; Festival Les Sons de Plateaux #3 – Centre Grimm Marseille; Festival Lungo la via Francigena, un viaggio del corpo e dell'anima – Siena; Avvertenza Danza - Accademia di danza di Roma; Festival Contemporanea Festival 2010 della Fondazione Teatro Prato, Zo centro culture contemporanee e Scenario Pubblico - Catania.
Nel 2002 fonda Majazé magazzino culturale di scambi d’arti e culture, un centro per la formazione, la ricerca, la sperimentazione e lo sviluppo di progetti nelle arti performative. Nel corso degli svariati anni di gestione, realizza tra l’altro il primo Festival per la città di Catania, il Video-danza FilmFest, patrocinato dalla Regione Sicilia e con il contributo della Provincia e del Comune di Catania in partenariato con il Dance on screen di Londra, con l’Università di Catania e con L’Accademia di Belle Arti di Catania; la rassegna di danza contemporanea Reaction e di arte contemporanea Altroquando, ambedue sostenute dalla Provincia di Catania. Produce il lungo metraggio del regista romano Claudio Fausti, Meridiano Perduto con il contributo della Regione Sicilia Cine Sicilia Film Commission, film integralmente realizzato in Sicilia e presentato al Festival di Cinema di Frontiera di Marzamemi. 
Lavora inoltre con la Fondazione Teatro Massimo Bellini di Catania per la realizzazione delle coreografie e l’assistenza alla regia del regista Henning Brockaus della Beatrice di Tenda opera lirica di V.Bellini . Con la Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi, con il Teatro Massimo di Palermo e con lo Sferisterio di Macerata per la Traviata di Verdi e con il Teatro Sociale di Como per la Lucia di Lammermoor di Donizetti e ancora con il Teatro Massimo di Palermo per il Rigoletto.
Nel 2012 elabora il metodo Sferotonia - nuove pratiche di movimento, l’auto massaggio consapevole proponendo differenti laboratori in Italia. 
Nel 2013 diventa licensed trainer di GYROTONIC EXPANSION SYSTEM®. 
Dal 2014 collobora con il Centro Culture Contemporanee Zo di Catania, dirigendo la sezione danza della rassegna di creazioni contemporanee Altre Scene.
Attualmente è impegnata nella gestione e nella direzione artistica della compagnia MotoMimetico, occupandosi delle attività di formazione professionale, promozione e produzione delle stesse.


 ATTIVITA' 2016
Ricominciano le lezioni personalizzate e collettive di GYROTONIC EXPANSION SYSTEM   ®

con tante promozioni e pacchetti vantaggiosi! venite a provare!!!!!!!!! contattate Emma Scialfa trainer 3926503328
. Enjoy in your body.-)

Ideato e sviluppato da Juliu Horvath (ex ballerino), è un metodo che stimola la muscolatura attraverso la mobilizzazione delle articolazioni, rinforzando così i rispettivi legamenti ed inserzioni muscolari.
Si avvale dell’utilizzo di una macchina di legno composta da una panca e da una torre utilizzata in modo dinamico tramite maniglie e cavetti con pesi per allenare individualmente le persone.
Gyrotonic® è costruita sul corpo, rispetta la libertà di movimento, senza limiti di versatilità e velocità.
Con questa tecnica, viene stimolata contemporaneamente la forza e l’elasticità, con il minor sforzo possibile, migliorando la coordinazione.
Gli esercizi sono studiati in modo tale che si parte dai principi “chiave” della ginnastica, abbinati a quelli del nuoto, della danza e dello yoga; dove tutti i principali gruppi muscolari vengono stimolati in maniera sia indipendente che sinergica.
I movimenti sono naturali senza interruzione, creano un ponte tra contrazione ed estensione. Ogni esercizio infatti corrisponde ad una particolare respirazione, che dà il ritmo all’esecuzione e condiziona pertanto lo stimolo cardio-vascolare richiesto.
Particolare attenzione viene data al miglioramento e funzionalità del rachide per prevenire così quelle che sono le patologie e l’accumulo nel tempo di micro-traumi; ottenendo straordinaria flessibilità, ringiovanimento e vigore.
Gyrotonic® è utilizzata in tutto il mondo da persone di tutte le età, sportivi e ballerini; nonché a livello riabilitativo in molti ospedali e studi chiropratici.
L’allenamento con Gyrotonic® si concentra su alcuni principali obiettivi:
- STABILIZZARE TRAMITE IL CONTRASTO: senza bloccare, per mezzo dell’equilibrio due forze opposte.
- MOVIMENTO E RESPIRAZIONE: l’espirazione corrisponde al movimento; mentre l’inspirazione corrisponde al momento di sospensione; così, se il movimento è sezionato, i cicli respiratori aumenteranno di conseguenza. Se al contrario, il movimento è eseguito più lento, il respiro diventa più lento (oceanico).
- CHIUSURA DEL TORACE: che non deve comprimere.
- NARROWING DEL BACINO
- SCOOPING DELLE BRACCIA: i movimenti delle braccia partono dallo sterno.
- SCOOPING DELLE GAMBE
- CREARE SPAZIO TRA LE ARTICOLAZIONI
- STIMOLARE IL CORPO NEL SUO INSIEME
- VISUALIZZAZIONE GUIDATA DEI MOVIMENTI
- L’INTENZIONE COME GUIDA CHE MUOVE IL CORPO: il movimento è finalizzato da una intenzione.

Con l’allenamento Gyrotonic® viene stimolato tutto il corpo, si riesce a migliorare così la circolazione sanguigna e linfatica, il flusso di energia, migliorano le funzioni fisiologiche di eliminazione e assorbimento, migliora la mobilità articolare, si stimola e rinforza il sistema nervoso, le potenzialità contrattili e di estensione dei muscoli hanno un enorme beneficio, viene mobilizzata la colonna vertebrale eliminandone la rigidità e migliorando la funzionalità degli organi, si crea una buona percezione dei sensi, migliora la coordinazione.
E’ efficace dunque, essendo una ginnastica dolce per coloro che:
- Soffrono di dolori alla colonna vertebrale: cervicale, lombare, cifosi, lordosi ecc.
- Conducono una vita sedetaria.
- Vogliono migliorare la postura.
- Vogliono aiutare le articolazioni e le giunture ad essere più mobili.
- Soffrono di tensioni da stress.
- Praticano professioni e sport che sviluppano solo alcuni muscoli.
- Vogliono prendere coscienza del proprio corpo attraverso la respirazione.
- Vogliono acquisire maggior coordinazione e elasticità nei movimenti.
- Vogliono lavorare simultaneamente in rafforzamento e allungamento muscolare.

www.gyrotonic.com
https://www.youtube.com/watch?v=vCd6R8Gi1gA
https://www.youtube.com/watch?v=-DFt67rnOzM

Prenota la tua seduta + 39 3926503328 - info@motomimetico.it


GYROTONIC®, GYROTONIC® & Logo, GYROTONIC EXPANSION SYSTEM®, GYROKINESIS®, GYROTONER®, Cobra and the art Exercising and Beyond® are registred trademarks of Gyrotonic Sales Corp.



 Opening Night Scratch #1 - Preludi notturni in danza e poesia
Una produzione MotoMimetico 2015 in collaborazione e in residenza con Zo - centro Culture Contemporanee

Debutto nazionale -  Zo centro culture contemporanee per AltreScene rassegna di creazioni contemporanee
12 Aprile – 2 repliche – h 18,30 – h 21,00
13 Aprile – 1 replica – h 21,00



 In Opening night scratch, percorso musicale e discorso coreografico ruotano e s’intersecano attorno ad una scelta di testi di poesia contemporanea in lingua originale, letti dalle voci dei poeti stessi. Le parole, i corpi in azione dei danzatori, il montaggio video-sonoro, costruiscono a una deliberata situazione d’esperienza in cui lo spettatore è immerso percettivamente, in modo emotivo.
Lavorando sull'espressione dei corpi, sui suoni e sul ritmo mentre, con la sua forza semantica, la poesia colpisce e suggestiona, si cerca di raggiungere una compenetrazione raffinata delle passioni in atto.
L'idea è moltiplicare, o condurre alla estrema rarefazione, i contenuti di senso, quelli testuali e quelli non verbali, in un’unità estetica chiaramente determinata: come nella poesia dove la moltiplicazione dei sensi semantici (narrativi e/o lirici) da vita a un complesso di emozioni (anche tra, dentro o oltre i singoli versi) e significati, non facilmente riducibili ad unico senso o contenuto.
Se le performance di danza contemporanea offrono uno studio iconografico ed interpretazioni specifiche sui contenuti testuali/musicali agiti, l’intento non è dimostrativo o illustrativo, non si tratta di una interpretazione musicale e danzata di testi di poesia, né utilizzo di questi come semplice materiale per un discorso musicale o coreografico: l'idea è di offrire più un “happening”  che una “scena”.
Ascoltare, commuoversi, capire, ricordare:
questo il motivo semplice e complesso di Opening night scratch.


video/sound/concept Claudio Fausti
coreografia Emma Scialfa
Interpreti - Alessandro Caruso, Gloria Pergalani e con Claudio Fausti, Emma Scialfa
allestimento Salvo Pappalardo
luci Aldo Ciulla
realizzazione costumi e scene Debora Privitera
produzione MotoMimetico 2015 in collaborazione e in residenza con Zo - centro Culture Contemporanee



Biglietti: intero € 13 ridotto € 10

È consigliata la prenotazione

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI:
tel . : 3474826940 - 3926503328
mail:  silvioparito@alice.it - info@motomimetico.it

UFFICIO STAMPA :
Newooma Giornalismo srl – Letizia Carrara   +39) 329 5613771
 letacarrara@gmail.com
  
prevendita liveticket - online o punto vendita a Catania Viale Libertà n. 91
Zo - centro culture contemporanee
P.le Asia, 6 - 95129 - Catania


 Rassegna ALTRESCENE 2014/2015 - Zo centro culture contemporanee in collaborazione con MotoMimetico e Statale 114
dal teatro alle arti performative per un nuovo progetto culturale
 
Nona edizione della rassegna AltreScene, prodotta da Zo - Centro Culture Contemporanee che quest’anno si presenta con una grande novità: la sezione dedicata alla danza e alle arti performative, curata dalla coreografa Emma Scialfa di MotoMimetico, che affiancherà quelle dedicate alla Musica, curata da Sergio Zinna, direttore artistico di ZO, e al Teatro del regista Salvo Gennuso.
Nove spettacoli, da novembre a maggio, nella programmazione nata dalla collaborazione tra Zo, Statale 114 e MotoMimetico – e supportata della Rete Latitudini - che spaziano dal teatro alle arti performative, con la preview di un grande appuntamento internazionale con la compagnia francese MAGUY MARIN che farà da cerniera con la nuova stagione 2015.
Questa edizione di AltreScene consolida il percorso del progetto Zo, nel segno della continuità di un lavoro cominciato tredici anni fa, che ne ha fatto un luogo dell’inclusione, dell’arte, della cultura e dell’incontro dei linguaggi del contemporaneo in una città come Catania che vuole rinascere e riscoprirsi in grado di competere, sul piano dell’offerta culturale, con altre importanti città europee.
Questa è la mission che Zo si è data, lanciando la sua proposta culturale che verrà illustrata nel corso di una serata-evento aperta a tutta la città.
Quello di Zo è una progetto che si muoverà su tre direttrici: della formazione del pubblico, della residenza artistica e della presentazione di eventi e spettacoli.
“Zo intende riallacciare i contatti con le istituzioni che lavorano e si occupano di educazione e formazione: scuole, università, cooperative di inclusione sociale – commenta Sergio Zinna – Con loro si tenterà di sviluppare dei progetti comuni di formazione diffusa, che possano costruire un’offerta culturale che “educhi” il pubblico ai linguaggi contemporanei”.
La struttura, dunque, si apre ancora di più a dibattiti, incontri, laboratori con artisti, proiezioni di film e di spettacoli di grandi autori della scena contemporanea, prevedendo la formazione di un laboratorio di scrittura sulla critica teatrale e la selezione di giovani che vogliano intraprendere il percorso artistico.
“Per residenza artistica – spiega il regista Salvo Gennuso – s’intende aprire le porte agli artisti che vogliano lavorare in sinergia con altri artisti, proponendo i loro lavori, mostrandoli al pubblico e nello stesso tempo entrando in sinergia con chi lavora già nello spazio e con chi lo attraversa come ospite”.
“L’idea della residenza si fonda su un modello europeo e prevede anche di dare spazio ad artisti che abbiano bisogno di un luogo per creare – prosegue Silvio Parito, (Latitudini)– non solo per mostrare ciò che hanno creato, aprendo “l’officina di creazione” all’utenza che vorrà partecipare alla fasi aperte della creazione”.
“La residenza si declina anche come luogo d’incontro e di esposizione per i nuovi artisti della città – aggiunge Sergio Zinna – offrendo la possibilità di un luogo che sia vetrina, e che sia anche spazio per l’approfondimento e per la relazione.
Quanto alla danza che segna il ritorno in città di Emma Scialfa, l’idea è quella di aprire uno squarcio performativo all’interno di Altre Scene . “La danza, il suono, la parola, le immagini la de-collocazione dell’azione teatrale nello spazio – spiega Emma Scialfa – contribuiscono a formare un concetto di condivisione e di più profonda fruizione dello spettacolo”. “Una proposta – aggiunge – composta di quattro appuntamenti di nuovi piuttosto che giovani artisti italiani che hanno come comune denominatore un’ipotesi: quella di miscelare, frullare e far dialogare linguaggi, modi, sensibilità e approcci di atti improvvisi ed estemporanei come di azioni ben pensate e interagite”.
Il primo appuntamento di AltreScene sarà il 23 novembre con “Nel Fuoco” compagnia Suttascupa, un omaggio a Nourredine Adnane, un martire a Palermo. Seguiranno alcune delle migliori esperienze artistiche italiane, da Mimmo Cuticchio a Vetrano e Randisi, da Vucciria Teatro a MotoMimetico, da Statale 114 a Oplas Centro Regionale Danza Umbria, da Fabrizio Puglisi e Barbara Toma a Borderline Danza.
A maggio comincerà il lavoro che porterà la Compagnia Maguy Marin a presentare per la prima volta in Italia il suo "Cap au pire", spettacolo nato da un testo di Beckett, esempio rigoroso della danza della coreografa francese. L’evento Maguy Marin/Beckett rappresenta l’esempio più rilevante della mission che Zo si è data di inserire Catania nel panorama e nel circuito internazionale dell’arte.
 
Programma
 
23 nov 2014
NEL FUOCO
omaggio a Nourredine Adnane, un martire a Palermo
di Giuseppe Massa
Prod. Sutta Scupa
 
7 dic 2014
SEX MACHINE
compagnia Oplas Crd
Coreografia di Luca Bruni
 
8 gen 2015
SENZA TITOLO – PERFORMANCE #4
di Fabrizio Puglisi (piano) e Barbara Toma (danza)
 
15 feb 2015
LA PAZZIA DI ORLANDO
Ovvero il meraviglioso viaggio di Astolfo sulla luna
di e con Mimmo Cuticchio
 
1 marzo 2015
TOTO E VICE’
di Franco Scaldati
Regia ed interpretazione di Enzo Vetrano e Stefano Randisi
 
10, 11 e 12 marzo 2015
BATUAGE
Compagnia Vucciria Teatro
scritto e diretto da Joele Anastasi
 
15 marzo 2015
BODY MOODS: WHICH ONE IS YOURS?
Compagnia Borderline danza
 
12 aprile 2015
OPENIG NIGHT SCRATCH#1 - PRELUDI NOTTURNI IN DANZA E POESIA
video/sound dj/concept Claudio Fausti
choreographer Emma Scialfa
Produzione Oplas 2015
 
 
19 e 20 aprile 2015
STANZE
Testo e regia di Salvo Gennuso
Con Elaine Bonsangue, Musiche di Giancarlo Trimarchi, Video di Alessandro Aiello. Produzione di Statale 114
 
maggio 2015
incontro con Maguy Marin
 
novembre 2015
“CAP AU PIRE”
COMPAGNIA MAGUY MARIN
 
FAI UN VOUCHER ADESSO E RISPARMI!!!!
INGRESSI :
Biglietto singolo € 13 intero € 10 ridotto
Voucher 9 spettacoli intero € 90,00 ridotto € 72,00
Voucher 5 spettacoli intero € 50,00 ridotto € 40,00
 
INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI:
tel . : 095.8168912 - 329.6656943 - 3474826940
mail: organizzazione@zoculture.it - felicitap@tiscali.it - silvioparito@alice.it
 
UFFICIO STAMPA :
Newooma Giornalismo srl – Letizia Carrara  +39) 329 5613771
 

 Re-starting Corso
Ciclo di workshops di danza contemporanea
con Emma Scialfa
Promosso dalla compagnia MotoMimetico


2014
3/7 novembre
1/4 dicembre
2015
12/16 Gennaio
9/13febbraio
2/6 marzo


Il corpo danzante è da sempre al centro della nostra riflessione. Ci chiediamo qual è il modo per dare agli studenti che si avvicinano allo studio della danza contemporanea e del movimento più in genere un assortimento di principi che permetteranno loro di imbarcarsi in una ricca, creativa e sicura esplorazione di un’ampia schiera di tecnologie del movimento.
Riteniamo che la sfida sia nel rapporto tra chiarezza e mistero: spesso il processo d’insegnamento e d’apprendimento può manifestarsi ripetitivo e, da insegnanti, ci si trova ad incoraggiare gli allievi a dare più "vita" al materiale proposto, a "giocare" per aumentare il fattore "divertimento".
Vogliamo sviluppare la capacità d’osservazione che assiste lo studente nel nutrire una consapevolezza che faciliti la conoscenza dei propri limiti, fisici e personali, attraverso lo studio di diverse tecniche di danza contemporanea.
Vogliamo andare verso un’esplorazione vitale, efficace, scorrevole, tessere un viaggio creando un percorso che ci guidi verso un movimento pieno, autentico, sofisticato e ispirato. 
L’obiettivo del corso articolato in una serie di laboratori intensivi della durata di una settimana ciascuno, è di permettere sia al professionista che al principiante di convergere verso una completa conoscenza del proprio corpo e delle sue funzionalità attraverso una sfaccettata attività che propone lezioni di propedeutica al movimento, di tecnica contemporanea, di floor work, di composizione coreografica e di contact improvisation. Si affronteranno inoltre differenti tecniche di stretching, release technique, manipolazione e massaggio di coppia.


Dalle 13,30 alle 15,00


E’ rivolto a chiunque abbia già una base di lavoro sul movimento, amatori o professionisti.



Quota per un workshop €50
Quota per una singola lezione €12


c/o Scenario Pubblico
Via Teatro Massimo, - Catania


info
www.motomimetico.it
info@motomimetico.it
t. + 39 3926503328
Facebook MotoMimetico






 Majazé – magazzino culturale presenta:
MERIDIANO PERDUTO

Una produzione Majazé – magazzino culturale, con il contributo del Servizio Film Commission Regione Siciliana, Assessorato ai Beni Culturali e Ambientali e della Pubblica Istruzione.
 
L’autore, Claudio Fausti, che ha già all’attivo un documentario medio metraggio selezionato nel 2002 alla 59esima  Mostra del Cinema di Venezia sezione Nuovi Territori, ed un lungometraggio in pellicola uscito nelle sale prodotto dal Pablo film nel 2004, firma questa volta la regia del documentario Meridiano Perduto progetto realizzato interamente in Sicilia in collaborazione con maestranze e cast locale grazie alla produzione della Società Majazé.

Il documentario è un viaggio – di riflessione, emozione, racconto paesaggistico ed incontro con le culture locali - nel cuore del mediterraneo, la Sicilia, le sue coste e le sue isole, il suo mare. Uno scavo filmico del paesaggio – naturale ed umano - siciliano, in una partitura che unisce immagine e intervento sonoro.

Attraversando  Palermo, Mazzara, Trapani, Pantelleria, Linosa, l’autore disegna, come in un taccuino personale, i momenti di una geografia interiore che corrispondono intimamente alla storia ed alla bellezza del territorio.
Il percorso modula altresì una riflessione sulle condizioni di vita e di esperienza possibili sul mediterraneo, in un rimando tra attualità e cultura storica, in riferimento ad artisti e letterati che hanno pensato in forme diverse l’identità mediterranea.



Prima Presentazione Nazionale 27 Luglio Al Festival del Cinema di Frontiera, Marzamemi

Per Info
www.cinemadifrontiera.it/
info@cinemadifrontiera.it
Tel:0931/803608
Fax: 0931/803606




Majazè di Emma Scialfa | REA n.267618 | capitale sociale € 102.000,0 | P.I. 03999990876 | webdesign souldesign | webengineering cad